Sulle prove speciali del Rally del Carnevale Stiava, Fiano, S.Rocco e Lucese il teatro della sfida lanciata da AC Lucca

Massimiliano Bosi, fiduciario provinciale AC Lucca, descrive le quattro prove speciali che caratterizzeranno la gara, in programma sulle strade della Versilia sabato 18 e domenica 19 febbraio. Domenica 5 febbraio, la sessione di test collettivi organizzati a Coreglia Antelminelli. 

1 febbraio 2023 – Prosegue a ritmi serrati il percorso di avvicinamento al 39° Rally del Carnevale, appuntamento organizzato da Automobile Club Lucca in sinergia con Jolly Racing Team e con il supporto operativo di New Lucca Corse. La manifestazione, sfida di apertura della stagione rallistica toscana, vedrà i riflettori del motorsport puntati sulle strade della Versilia. Un palcoscenico che – sabato 18 e domenica 19 febbraio – abbraccerà la provincia di Lucca coinvolgendola in un contesto che avrà nella Cittadella del Carnevale – a Viareggio – la sua prima, prestigiosa vetrina.
Quattro prove speciali, quelle messe in programma, raccontate da Massimiliano Bosi, fiduciario provinciale di AC Lucca. 

Ps 1 – Stiava

“Prova storica, utilizzata nelle precedenti edizioni da noi organizzate. La versione 2023 sarà in notturna e – di conseguenza – farà riassaporare ad equipaggi ed appassionati il sapore del rally di un tempo. 
5,2 km di strada insidiosa, scivolosa, dei quali i primi due circa saranno teatro dello shakedown, il test con vetture da gara, corrispondente al tratto in salita; prova breve ma difficile, con alcuni tornanti spettacolari per il pubblico dove gli equipaggi dovranno saper esprimere al meglio traiettorie e precisione di guida, facendo attenzione ai continui cambi di asfalto”.

Ps 2/5 – Fiano

“Si percorre in senso opposto rispetto allo scorso anno. Poco più di 7 km di prova: i primi cinque si sviluppano in una salita complessa attraverso gli abitati di Fiano e Loppeglia, dove il ritmo di guida, più che la velocità, potrà fare la differenza; serviranno note precise per evitare le insidie dovute a spigoli ed interni curva. Gli ultimi due chilometri sono, invece, da piloti coraggiosi. Lì l’asfalto risulta più scivoloso ma, soprattutto, le zone d’ombra potranno creare vari cambi di aderenza”.

Ps 3/6 – S. Rocco

“La prova più lunga del rally, con i suoi 9,5 km e, a mio giudizio, la più difficile. La sede stradale è stretta ma il ritmo è alto. L’inizio prova precede di pochissimo il paese di Pascoso e, dopo una breve salita, si sviluppa in una discesa stretta e molto ritmata, con molti spigoli vivi e solo una traiettoria consentita; serve controllo della macchina e conoscenza di gomme e freni. Raggiunto il paese di Gragliana, a circa sette chilometri dallo start, la prova ricomincia a salire per tornare in direzione di S. Rocco, dove si conclude poco dopo il famoso guado. Questo tratto sarà molto soggetto a sporcarsi e la precisione di guida sarà ancora più premiante”.

Ps 4/7 – Lucese

“L’inizio è molto lento e stretto, in salita; dal secondo chilometro, superato il passo, il ritmo cambia mantenendo comunque una carreggiata medio-stretta. Al bivio di Gombitelli (km 4,5) gli equipaggi affronteranno una discesa impegnativa fino al paese di Fibbiano, dove l’asfalto offre maggior aderenza. Dal bivio di Orbicciano fino al termine dei nove chilometri previsti si torna a ritmi medio-bassi”.

Ad anticipare il 39° Rally del Carnevale sarà una sessione di test collettivi, organizzati da AC Lucca in collaborazione con New Lucca Corse nella giornata di domenica 5 febbraio, a Coreglia Antelminelli. Due le finestre temporali a disposizione degli equipaggi: dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle 14 alle 17.30senza alcun limite di passaggi consentiti.
Un incentivo, quello dell’istituzione automobilistica lucchese, proposto al panorama motosportivo allo scopo di mettere a disposizione dei praticanti una nuova opportunità per prepararsi alla nuova stagione in sicurezza ed a costi contenuti.

Le iscrizioni al 39° Rally del Carnevale saranno accolte fino al termine ultimo fissato alla mezzanotte di mercoledì 8 febbraio. 
Tutte le informazioni sono disponibili all’indirizzo internet https://www.rallydelcarnevale.it

Nella foto (free copyright): il fiduciario Massimiliano Bosi. 

PROVA SPECIALE STIAVA, RdC 2023

Video camera car della prova speciale di Stiava del 39° Rally del Carnevale che si svolgerà il 18 e 19 febbraio 2023. La prova è la stessa del 38° Rally del Carnevale svoltosi nel 2022.

Video realizzato da Matteo Carli

39° Rally del Carnevale: precisazioni da parte di Automobile Club Lucca

Smentite in via ufficiale le notizie relative all’annullamento della gara, fatte circolare negli ultimi giorni tra i praticanti della specialità. Il direttore di AC Lucca Luca Sangiorgio: “Ci aspettiamo una reazione da parte degli equipaggi, che agiscano evitando di rincorrere voci infondate, iscrivendosi numerosi al nostro rally”

Lucca, 25 gennaio 2023 – Automobile Club Lucca smentisce in modo categorico le voci relative all’annullamento del 39° Rally del Carnevale – appuntamento in programma sabato 18 e domenica 19 febbraio – puntualizzando che si tratta di notizie destabilizzanti e prive di fondamento, fatte circolare negli ultimi giorni tra i praticanti della specialità. 
Una situazione, quella che si sta verificando all’interno dell’ambiente rallistico toscano, che sta influendo negativamente sull’andamento delle iscrizioni alla gara, aperte fino a mercoledì 8 febbraio. A intervenire è il direttore dell’Automobile Club di Lucca, Luca Sangiorgio
“Desidero fare chiarezza in merito alle voci che si rincorrono in questi giorni e che riguardano lo svolgimento del prossimo 39° Rally del Carnevale in programma il 18 e il 19 febbraio 2023  – spiega il direttore Sangiorgio -: la gara, organizzata da Automobile Club Lucca in collaborazione con Jolly Racing Team, è regolarmente a calendario e le iscrizioni sono aperte fino all’8 febbraio. AC Lucca ha lavorato duramente per predisporre un rally avvincente, spettacolare e in sicurezza, in piena sintonia con le amministrazioni locali coinvolte che ci hanno accolto, consentendoci di utilizzare il loro territorio per lo svolgimento della gara, delle prove speciali e dei diversi riordini, evidentemente riconoscendoci la necessaria credibilità e competenza”. “Sappiamo di avere un problema oggettivo: la recente regola della Federazione riguardante i nuovi serbatoi come dotazione obbligatoria di sicurezza per le vetture partecipanti ai rally, a partire da questa stagione sportiva – continua Sangiorgio -. Anche sotto questo aspetto è necessaria un’operazione verità: non tocca a noi discutere nel merito della nuova normativa (anche se essa per AC Lucca scaturisce da oggettive e condivisibili motivazioni); tuttavia la difficoltà a reperire sul mercato il nuovo serbatoio ci sta penalizzando in termini di possibili iscrizioni al Rally del Carnevale di quest’anno, sia per la tipologia di vetture che storicamente hanno partecipato alla nostra gara, sia perché siamo uno dei primi rally del calendario sportivo 2023 e quindi l’impatto con la novità regolamentare è inevitabilmente più difficile. Come Aci nei mesi scorsi abbiamo cercato di verificare la possibilità di una proroga, ma senza successo; per di più abbiamo contattato le maggiori aziende operanti nel settore per capire quanto fosse difficile reperire le nuove tipologie di serbatoio e abbiamo cercato di individuare possibili soluzioni. Per amore di verità, ancora una volta, c’è da segnalare che le aziende interpellate, pur evidenziando i tempi lunghi, ci hanno confermato la loro disponibilità a fornire queste nuove dotazioni, ma allo stesso tempo comunicandoci di aver ricevuto uno scarso numero di ordini di acquisto, evidentemente dovuto alla “speranza”, nutrita dagli addetti ai lavori, di una proroga dell’ultima ora da parte della Federazione”. “La conclusione di tutto questo discorso – conclude il direttore di Automobile Club Lucca –  è una sola e si sintetizza in un proverbio noto a tutti: il cliente ha sempre ragione e i nostri clienti sono i piloti e i navigatori che, se ritengono, hanno a disposizione un “prodotto” come il Rally del Carnevale 2023 che noi giudichiamo degno e interessante. Per ogni iniziativa c’è da tener conto dell’equilibrio economico: le spese sostenute da AC Lucca e da Jolly Racing Team per la migliore organizzazione possibile del rally devono essere controbilanciate da un adeguato numero di iscrizioni, quale fonte di entrata;  se il numero delle vetture partecipanti non sarà congruo, con molto amarezza, saremo costretti a rinviare il rally o addirittura ad annullarlo, qualora non si potesse individuare una nuova data in un calendario rallistico come quello toscano fitto di appuntamenti in ogni settimana. Ma non è questo il nostro intendimento: noi vogliamo svolgere il Rally del Carnevale 2023! Quindi l’invito è di iscriversi numerosi e vivere insieme la passione sportiva.
Crediamo come organizzatori di aver fatto la nostra parte, anche se non siamo perfetti e lo sappiamo: ora ci auguriamo che i nostri clienti, cioè gli sportivi, agiscano, senza rincorrere voci non vere, ma al contrario apprezzando il frutto del nostro lavoro. Sarebbe per noi molto importante trovarli tutti pronti al nastro di partenza del rally”.

Informazioni su evento e iscrizioni sono disponibili su: www.rallydelcarnevale.it

Nella foto (free copyright Amicorally): Pedro, in azione nella precedente edizione della gara. 

 Il Rally del Carnevale entra nel vivo: aperte le iscrizioni alla 39ª edizione della gara.

Aperte da oggi le iscrizioni al primo appuntamento della stagione rallistica toscana, in programma il 18 e 19 febbraio in Versilia. Chiusura della fase dedicata alle adesioni prevista per mercoledì 8 febbraio

18 gennaio 2023 – Sono aperte le iscrizioni per il 39° Rally del Carnevale, appuntamento che sabato 18 e domenica 19 febbraio farà da apertura alla stagione rallistica toscana. L’evento, promosso da Automobile Club Lucca in co-organizzazione con Jolly Racing Team e con il supporto operativo di Nuova Lucca Corse, si prepara ad abbracciare passione ed ambizioni del panorama motosportivo italiano, coinvolgendo la Versilia nel suo format di rally nazionale. 

Il termine ultimo per poter aderire al confronto – aperto anche alle vetture di riferimento, gli esemplari di classe Rally2 – è fissato allo scadere della mezzanotte di mercoledì 8 febbraio. 

IL PROGRAMMA DI GARA. A inaugurare l’evento saranno le operazioni di verifica sportiva e quelle di verifica tecnica sulle vetture partecipanti, queste ultime programmate per sabato 18 febbraio negli spazi adiacenti lo stabilimento di Fonte Ilaria, nel comune di Pescaglia: sempre qui sarà allestito anche il parco assistenza. Alle 18.01 saranno poi i colori della Cittadella del Carnevale, a Viareggio, a omaggiare la cerimonia di partenza delle vetture, che non poteva che tenersi nella casa per eccellenza dei maestri della cartapesta.

Il rombo dei motori è il protagonista della giornata fin dal tarda mattinata, con le sessioni di shakedown – il test con vetture da gara – proposto sui chilometri di Stiava a partire dalle 12.15 del giorno stesso. Un tratto che, nella sua completa espressione di 5,20 km, ambienterà la prima prova speciale, in programma alle 18.20: un particolare, quest’ultimo, che farà rivivere un “assaggio” di quella che era la caratteristica distintiva del Rally del Carnevale negli anni che l’hanno resa celebre in ambito nazionale, con la totalità delle prove speciali disputate in notturna. 

Dopo la partenza le vetture si dirigeranno verso Massarosa dove – in piazza Provenzali – sosteranno per il riordino notturno, con l’uscita della prima vettura prevista alle 8.31 di domenica 19. Da Massarosa i riflettori si sposteranno sulle operazioni di parco assistenza a Monsagrati: qui team ed equipaggi saranno chiamati ad esprimere le loro tattiche di gara in quarantacinque minuti. 

Successivamente sarà di nuovo la volta del cronometro con la disputa delle prove speciali “Fiano”, con i suoi 7,37 km in programma dalle 9.50, “San Rocco” di 9,53 km alle 10.22 e “Lucese” che, con i suoi 8,90 km, chiuderà, alle 11.02, la prima tranche domenicale. 

La fase centrale della giornata vedrà le macchine sostare, per quarantacinque minuti, all’interno del riordino di Camaiore, previsto dalle ore 11.38 in piazza XXIX Maggio. Il secondo parco assistenza in programma, con l’entrata della prima vettura tra i paddock alle ore 12.45, proietterà gli equipaggi verso l’ultima ripetizione di speciali con “Fiano” a riaccendere l’agonismo alle 13.44, “San Rocco” alle 14.16 e “Lucese” alle 14.56. La rinnovata piazza Provenzali di Massarosa, infine, accoglierà l’arrivo, in programma dalle 15.30, a cui seguirà la cerimonia di premiazione.

Un legame importante, quello tra il Rally del Carnevale e il Carnevale di Viareggio, confermato dalla volontà da parte dell’istituzione automobilistica provinciale di sventolare la bandiera tricolore della partenza all’ombra degli hangar che custodiscono i celebri carri e le bellissime mascherate. 
Oltre a Viareggio il 39° Rally del Carnevale coinvolgerà anche i comuni di Massarosa, Camaiore, Pescaglia, Fabbriche di Vergemoli e Stazzema, parti integranti di un format in grado di confermare l’appeal riscontato nelle sue due precedenti edizioni, a conferma di quanto per Aci Lucca l’aspetto sportivo debba sempre essere coniugato con la valorizzazione delle comunità locali e del territorio di riferimento.

Informazioni su evento ed iscrizioni sono disponibili all’indirizzo internet https://www.rallydelcarnevale.it


Nella foto (free copyright Zini): il podio della passata edizione della gara.

È Luca Panzani bis: il pilota lucchese conquista ancora il Rally del Carnevale

È stato un dominio assoluto, quello di Luca Panzani sulle strade del 38° Rally del Carnevale, appuntamento che ha interessato le strade della Versilia nel fine settimana. Il pilota lucchese, al volante della Skoda Fabia R5 messa a disposizione e curata in campo gara da Pavel Group, ha condiviso con la copilota Alessia Bertagna la seconda affermazione sulle strade “disegnate” da Automobile Club Lucca, in co-organizzazione con Laserprom 015. Dopo aver preso il comando della corsa fin dall’epilogo della prima prova speciale “Stiava”, il portacolori della scuderia Jolly Racing Team ha consolidato il vantaggio sugli avversari nella fase centrale di gara, adottando una tattica conservativa nell’ultima frazione del confronto. 

Alle spalle della Skoda Fabia R5 del leader, in seconda posizione, si era insediata la Volkswagen Polo R5 portata in gara da Gabriele Ciavarella e Michele Perna, fuori causa per un’uscita di strada sulla terza prova speciale. Un ritiro, quello del driver massese, che ha posto sotto la luce dei riflettori il confronto tra Antonio Rusce – all’esordio su Hyundai I20 Rally 2 ed affiancato da Giulia Paganoni – e “Pedro”, al debutto su Volkswagen Polo R5 con Roberto Mometti nel ruolo di copilota. L’ultimo tratto in programma ha visto Antonio Rusce prevalere nei confronti del diretto avversario e conquistare la seconda posizione assoluta confermando le gerarchie maturate sui chilometri della penultima prova speciale, teatro del sorpasso su “Pedro”.  

In quarta posizione assoluta, prima tra le vetture a due ruote motrici, la Peugeot 208 Rally 4 di Gianandrea Pisani e Fabrizio Vecoli, attesi ad una stagione 2022 ambientata sulle strade del Campionato Italiano Assoluto Rally. Una condotta autoritaria, quella del pilota versiliese, espressa nelle alte sfere della classifica assoluta fin dalle prime fasi di gara. A chiudere la “top five” la Skoda Fabia R5 di Davide Giovanetti, in coppia con Alessio Rossi, impegnato in una gara test in vista della programmazione imbastita sulle strade dell’International Rally Cup. 

Ritorno sui sedili della Skoda Fabia R5 decisamente soddisfacente per Alessandro Bindi, protagonista in sesta piazza con Sandro Sanesi a dettare le note. Tornato sulle strade del “Carnevale” dopo un anno di inattività, il driver è riuscito a prevalere nel confronto – risolto sull’ultima prova speciale – con Dawid Tanozzi, affiancato da Luca Ambrogi su Skoda Fabia R5.  In ottava piazza la Skoda Fabia R5 di Giorgio Sgadò e Cristian Panzani, equipaggio atteso sui chilometri della Coppa Rally di Zona 2022. Alle spalle della “boema” portata in gara dal pilota massese, la Renault Clio S1600 di Nicola Paolinelli e David Castiglioni, con il driver lucchese tornato alle competizioni dopo due anni di inattività. A chiudere la “top ten” la Renault Clio Williams di Luciano D’Arcio ed Elisa Filippini, equipaggio vincitore dell’edizione 2017 della gara. Tra i ritiri eccellenti, quello della Skoda Fabia R5 Evo di Alessio Della Maggiora e Sauro Farnocchia, protagonista di un’uscita di strada senza conseguenze per l’equipaggio sui chilometri della sesta prova speciale, quando il pilota lucchese si trovava in quarta posizione assoluta. 

Il 38° Rally del Carnevale ha proposto agli equipaggi cinquantatre chilometri di agonismo, espressi sulle prove speciali “Stiava”, “Orbicciano” e “Loppeglia”, con il coinvolgimento di Viareggio – protagonista di un passaggio per controllo a timbro ambientato in Piazza Maria Luisa – che ha reso protagoniste le vetture dopo aver disceso la pedana di partenza di Piazza Provenziali, a Massarosa, cornice che ha caratterizzato anche la cerimonia di arrivo. 

Classifica finale: 1. Panzani-Bertagna (Skoda Fabia) in 39’56.2; 2. Rusce-Paganoni (Hyundai I20) a 30.1; 3. ”Pedro”-Mometti (Volkswagen Polo) a 33.6; 4. Pisani-Vecoli (Peugeot 208) a 1’53.6; 5. Giovanetti-Rossi (Skoda Fabia) a 2’17.6; 6. Bindi-Sanesi (Skoda Fabia) a 2’25.8; 7. Tanozzi-Ambrogi (Skoda Fabia) a 2’35.8; 8. Sgado’-Panzani (Skoda Fabia) a 2’53.3; 9. Paolinelli-Castiglioni (Renault Clio) a 2’59.1; 10. D’Arcio-Filippini (Renault Clio Williams) a 3’01.7; 

AC Lucca invita i concorrenti a confermare l’iscrizione inviata in fase preliminare

Problemi tecnici che hanno interessato il portale utilizzato dagli organizzatori durante le fasi di pre-iscrizione alla gara, hanno causato la perdita dei dati precedentemente raccolti

Lucca, 4 febbraio 2022 – Automobile Club Lucca invita i concorrenti del 38° Rally del Carnevale che avevano inviato l’iscrizione in fase preliminare, a confermarla via mail tramite l’indirizzo iscrizionilaserprom@gmail.com

Una richiesta, quella condivisa con Laserprom 015, legata alla perdita dei dati acquisiti in fase di pre-iscrizione e causata da un problema tecnico che ha interessato il portale dedicato.

Informazioni complete e documentazione disponibile all’interno del sito ufficiale della manifestazione, all’indirizzo www.rallydelcarnevale.it 

Nella foto (free copyright UMDC): una delle vetture protagoniste della precedente edizione.