A LUCA PANZANI (SKODA FABIA R5) IL 37° RALLY DEL CARNEVALE

Sono Luca Panzani Alessia Bertagna i vincitori del 37° Rally del Carnevale, evento organizzato da Automobile Club Lucca in collaborazione con Laserprom 015 e Lucca Corse che, nel fine settimana, ha interessato il territorio della Versilia. La gara, tornata dopo anni di assenza nel calendario nazionale, è stata caratterizzata fin dalle prime battute da un acceso confronto che ha interessato il campione italiano rally Under 25 Alessio Profeta e il lucchese Luca Panzani, tornato al volante sulla Skoda Fabia R5 che, sei mesi prima, gli aveva garantito la vittoria al Rally “Il Ciocco” valido per la Coppa Rally di Zona. A garantire la leadership al portacolori della scuderia Jolly Racing Team è stata la terza prova speciale “Pedona”, chilometri che lo hanno visto prevalere in classifica provvisoria sul diretto avversario Alessio Profeta, alla prima esperienza con la versione “Evo” della Skoda Fabia R5. Un primato legittimato nel prosieguo di gara e concretizzato all’arrivo nella splendida cornice della Cittadella del Carnevale, epilogo di un evento disputato a “porte chiuse” in ottemperanza alle disposizioni previste dal protocollo generale Aci Sport per il contenimento della diffusione del virus Covid-19. Per Alessio Profeta e il copilota Sergio Raccuia, l’esordio sulla nuova evoluzione “boema” si è tradotto in una seconda posizione assoluta. Un risultato di spessore, in virtù di una scarsa conoscenza di un percorso mai affrontato in carriera. Sul terzo gradino del podio si sono imposti Thomas Paperini e Simone Fruini, sulla Skoda Fabia R5 Evo curata dal team MM Motorsport. L’equipaggio pistoiese, proiettato verso le strade del Campionato Italiano Rally, si è reso protagonista in quella che era stata presentata come gara test in ottica tricolore, prima occasione disponibile per conoscere le caratteristiche della versione evoluta della vettura. In quarta posizione la Volkswagen Polo R5 di “Ciava” e Michele Perna, con il pilota massese tornato alle competizioni dopo un lungo stop ma protagonista nel confronto rivolto all’ “attico” della classifica. A chiudere la “top five” la Ford Fiesta R5 di Leopoldo Maestrini e Fabrizia Pons, limitati da un problema al differenziale posteriore prontamente risolto dai tecnici del team. Sesta posizione per Giorgio Sgadò e Gabriele De Angeli: per il pilota massese, il Rally del Carnevale è stata la prima occasione per saggiare le potenzialità della Skoda Fabia R5. In settima piazza si sono insediati Pierluigi Della Maggiora e Valerio Favali, tornati sulla Skoda Fabia R5 in vista di una stagione sportiva articolata sulle strade della Coppa Rally di Zona, parti integranti di una classifica assoluta “chiusa” dalla Skoda Fabia R5 di Alessandro Bindi e Fabrizio Vecoli, dalla Renault Clio Williams di Luca Bertolozzi e Chiara Lombardi, prima tra le vetture a due ruote motrici e dalla Renault Clio R3C di Andrea Simonetti e Piero Taccini, decima forza nella prima “vetrina” della stagione rallistica 2021.

Un Rally del Carnevale di grandi contenuti: 108 gli iscritti alla prima stagione rallistica 2021

È un elenco iscritti a tre cifre, quello espresso dal Rally del Carnevale. Tornato “sulla scena” nazionale grazie all’impegno di Automobile Club Lucca e del suo presidente Luca Gelli, in collaborazione con Laserprom 015 e Lucca Corse, l’appuntamento che segnerà l’avvio della stagione rallistica nazionale ha fatto registrare l’adesione di 108 equipaggi iscritti alle due versioni “moderno” e “storico”. Un consenso che ha assecondato le aspettative dell’istituzione automobilistica provinciale, proiettando sulle strade della Versilia due confronti di respiro nazionale e, di conseguenza, di alto contenuto qualitativo. Un Rally del Carnevale che torna a respirare la propria essenza, quella che – nel suo glorioso passato – lo ha elevato in termini di gradimento garantendo ai partecipanti un avvio della stagione agonistica di alto profilo. 

UN ELENCO ISCRITTI DI QUALITÀ: 93 LE VETTURE MODERNE, 15 LE STORICHE. L’attesa, amplificata dal ritorno della gara dopo anni di assenza dal panorama rallistico nazionale, è stata ampiamente premiata da un elenco di pretendenti di grandi contenuti, sia in termini numerici che qualitativi. Un elenco iscritti che garantirà alle tre prove speciali in programma – “Stiava”, “Orbicciano” e “Pedona” – un avvio stagionale all’insegna della massima incertezza. Tredici, le vetture di classe R5 “al via”: uno schieramento “griffato” Skoda, Volkswagen e Ford, marchi che accompagneranno il plateau di rappresentanti della classe maggiore all’impegno inaugurale. A catalizzare le attenzioni degli appassionati saranno la Skoda Fabia R5 di Antonio Rusce, uno degli esponenti della scena nazionale dedicata ai fondi asfaltati, la Skoda Fabia Evo R5 di Thomas Paperini, vincitore della Coppa Rally di Zona VI atteso dalle strade del Tricolore 2021 e il ritorno – dopo sei mesi di inattività sportiva – di Luca Panzani, chiamato a confermare le ottime sensazioni destate sulla Skoda Fabia R5 nell’ultimo impegno disputato, il Rally del Ciocco. Qualità e spettacolo, elementi che chiedono di essere esaltati dalle partecipazioni del grossetano Leopoldo Maestrini, atteso al volante della Ford Fiesta R5, da Gabriele Ciavarella – tornato alle competizioni dopo un anno di stop e presente su Volkswagen Polo R5 – e da un terzetto di Skoda Fabia R5 di grandi prospettive, quelle portate in gara da Alessio Profeta, da Carmine Tribuzio e da Paolo Moricci, reduce dalla soddisfacente esperienza dell’ACI Rally Monza, appuntamento conclusivo del Mondiale Rally 2020. Un elenco partenti valorizzato anche dalle Skoda Fabia R5 di Alessandro Bindi e Giorgio Sgadò – entrambi all’esordio sulla vettura – e da quelle proposte da Vittorio Ceccato e Pierluigi Della Maggiora, chiamati a confermare il soddisfacente trend della stagione 2020, con Marco Casipoli che tornerà al volante della Ford Fiesta R5. Il Rally del Carnevale garantirà agli appassionati anche una esclusiva finestra sul panorama dedicato alle vetture di classe N5, la nuova categoria rappresentata sulle strade della Versilia dalla Renault Clio di Simone Boscariol. Prospettive di grande interesse anche nel confronto dedicato alle vetture storiche, il 1° Rally Storico del Carnevale, impreziosito dalla presenza di piloti di rilievo. A prenotare l’attico della classifica di 4° Raggruppamento saranno la BMW M3 E30 di Giovanni Mori, la Peugeot 205 di Mauro Lenci e la Ford Sierra Cosworth di Valter Pierangioli. Una cornice di spessore, quella dedicata alle vetture che hanno fatto la storia del motorsport, impreziosita dalle adesioni di Beniamino Lo Presti – su Porsche 911 SC – e di Marco Superti, su Porsche 911 RS. 

UNA GARA “A PORTE CHIUSE” MA DI AMPIO RESPIRO MEDIATICO:

DIRETTA STREAMING DELLA PROVA SPECIALE “STIAVA” SU RALLY DREAMER.

In ottemperanza alle disposizioni vigenti in materia di contenimento della diffusione del virus Covid-19, il Rally del Carnevale verrà effettuato rigorosamente “a porte chiuse”, con il quartier generale – la Cittadella del Carnevale, sede di partenza, arrivo e parco assistenza – esclusivamente accessibile agli “addetti ai lavori”. Disposizioni che hanno reso Automobile Club Lucca promotrice di un’iniziativa che coinvolgerà lo staff di Rally Dreamer nella diretta streaming della prova speciale “Stiava”, con la cronaca e le immagini dei passaggi previsti alle ore 8.15 ed alle 15.11, trasmessi attraverso la pagina facebook Rally Dreamer.   

IL RALLY DEL CARNEVALE ACCENDE I MOTORI:

SABATO LO SHAKEDOWN, DOMENICA LA GARA. Il 37° Rally del Carnevale ed il 1° Rally Storico del Carnevale entreranno nel vivo nella giornata di venerdì 12 febbraio, con l’apertura del parco assistenza ai team. L’indomani, sabato 13, sarà dedicato alle fasi di verifica ed all’accensione dei motori, con lo shakedown – il test con vetture da gara – in programma dalle ore 13.45 e valido come prima “sgambatura” della stagione rallistica 2021. La gara vedrà invece la partenza alle ore 7.45 di domenica 14 dalla Cittadella del Carnevale di Viareggio, con i protagonisti attesi al confronto sui chilometri di “Stiava”, “Orbicciano” e “Pedona”, prove speciali che verranno ripetute per tre volte. Alle ore 17, l’arrivo delle vetture storiche e moderne sulla prima pedana della stagione rallistica 2021. 

AC LUCCA E COMUNE DI CAMAIORE INSIEME PER IL RALLY DEL CARNEVALE

In vista del Rally del Carnevale, crescono le collaborazioni dell’Automobile Club di Lucca con le istituzioni del territorio. Dopo Massarosa, infatti, è la volta del Comune di Camaiore, che ha confermato la propria disponibilità a supportare la manifestazione, in programma sulle strade della Versilia dal 12 al 14 febbraio. La volontà di collaborare per la buona riuscita della gara, che coinvolgerà il territorio di Camaiore con due delle tre prove speciali (Orbicciano e Pedona), è stata sottolineata proprio dal sindaco, Alessandro Del Dotto e dal direttore di Ac Lucca, Luca Sangiorgio.
“La collaborazione con gli enti territoriali – commenta il direttore Sangiorgio – è fondamentale. Solo così, infatti, possiamo essere certi di realizzare una manifestazione che sia soddisfacente per tutti. Ringraziamo l’amministrazione comunale di Camaiore per l’opportunità e, come sempre, siamo a completa disposizione per questo e per i prossimi appuntamenti che vorremo organizzare insieme. Con il Comune di Camaiore, infatti, la collaborazione ha origini lontane e molto proficue: con l’amministrazione e con la Polizia Municipale abbiamo organizzato più volte momenti formativi dedicati all’educazione stradale nelle piazze e nelle scuole del territorio e speriamo di poter tornare a farne altri insieme. Per noi, per il mondo motoristico che rappresentiamo, il Rally del Carnevale è un vero e proprio segnale di ripartenza e siamo sicuri possa essere interpretato allo stesso modo anche da chi accoglie la gara”.
LA GARA. La manifestazione, organizzata da Automobile Club Lucca insieme con Laserprom 015 e Lucca Corse, si terrà nell’intera giornata di domenica 14 febbraio, ma aprirà le porte ai partecipanti già da venerdì 12, con l’ingresso nel parco assistenza da parte dei team. Il sabato sarà invece dedicato alle fasi di verifica e allo shakedown, il test con vetture da gara. La partenza della gara è in programma alle 7.45 di domenica 14 dalla Cittadella del Carnevale di Viareggio, con gli spazi circostanti adibiti a parco assistenza. Un format che ricalcherà fedelmente le linee previste dal protocollo generale previsto da Aci Sport per il contenimento della diffusione del Covid-19. A dare il via alle “ostilità” saranno i chilometri di Stiava (5,46), con gli interpreti chiamati ad affrontare un primo giro di prove speciali che interesserà anche l’asfalto di Orbicciano (8,57 km) e quello di Pedona (3,39 km). Tre tratti chilometrati che i partecipanti al Rally del Carnevale affronteranno per tre volte, con gli ampi spazi messi a disposizione da Conad, a Massarosa, sede di due riordinamenti. L’arrivo delle vetture partecipanti è previsto per le ore 17 alla Cittadella del Carnevale.

Tutte le informazioni: www.rallydelcarnevale.itwww.aciluccasport.it.